balle di paglia

Offriamo impianti completi e linee di pellettatura per il trattamento e la produzione di paglia, fieno, erba medica, foraggi etc.
A seconda delle richieste del cliente e delle caratteristiche costruttive i nostri impianti hanno caratteristiche costruttive e capacità di produzione differenti.

Fasi di processo

  • Fase A: Trinciatura
  • Fase B: Essiccazione
  • Fase C: Raffinazione – Macinazione
  • Fase D: Miscelazione
  • Fase E: Cubettatura
  • Fase F: Raffreddamento
  • Fase G: Setacciatura
  • Fase H: Insacco
impianto pellet paglia
paglia
impianto paglia fieno

FASE ‘A’: TRINCIATURA

Il processo di trinciatura del prodotto è necessario per la riduzione di dimensioni della materia prima, costituita principalmente da 2 forme: – Ballette prismatiche – rotoballe cilindriche Il prodotto che si ottiene una frantumazione media denominata “trinciato” idonea ad essere trasportata mediante normali sistemi di trasporto. Esso può essere secco oppure umido, nel primo caso il prodotto passa direttamente alla fase di raffinazione. Nel secondo caso il prodotto deve essere essiccato per ottenere una umidità tale da poter essere poi inserito nella macchina.

FASE ‘B’: ESSICAZIONE

La fase di essiccazione è necessaria per ridurre la quantità di umidità del prodotto da circa 80-90% a non più del 12-13%. La macchina può essere del tipo a tamburo rotante o a nastro, ha un bruciatore che può essere alimentato ad olio combustibile o gas.

FASE ‘C’: RAFFINAZIONE – MACINAZIONE

Dopo l’essicazione un raffinatore completo di unità di aspirazione provvede a ridurre le dimensioni del prodotto al fine di poter essere preparato per l’operazione di cubettatura. Il prodotto viene inoltre pulito da eventuali corpi ferrosi o altro.

FASE ‘D’: MISCELAZIONE

Un silo miscelatore fa si che il prodotto risulti omogeneo e che possa anche essere stoccato.

FASE’E’: CUBETTATURA

Il prodotto viene immesso in macchina e mediante il condizionatore possono essere aggiunti altri ingredienti, prima dell’entrata nel gruppo pressore e della trasformazione in pellet attraverso la trafila. All’esterno di essa dei coltelli regolabili tagliano il pellet alla lunghezza voluta.

FASE ‘F’: RAFFREDDAMENTO

Dopo la cubettatura il prodotto risulta molto caldo. E’ quindi necessario raffreddare il prodotto a temperatura di circa +5°C rispetto la temperatura ambiente, al fine di conferire allo stesso la necessaria durezza o lo stato ottimale per il suo immagazzinamento. La macchina è un raffreddatore controcorrente completo della linea di aspirazione aria e del recupero polveri.

FASE ‘G’: SETACCIATURA

La fase di setacciatura provvede a pulire il prodotto dalle polveri, le quali vengono reintrodotte nel ciclo produttivo.

FASE ‘H’: INSACCO

Il prodotto pellettato è trasferito nella zona insacco prima della consegna. Esso può essere confezionato in big-bag o in sacchi; le macchine per l’insacco possono essere manuali, semi-automatiche o automatiche in base alla produzione richiesta.

Contatta il responsabile!

Siamo a tua disposizione per fornirti tutte le informazioni necessarie e supportarti nella scelta della soluzione migliore per te.

CONTATTA

Per saperne di più contattaci

WordPress Themes